Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 14 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Raccontare con le figure'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Raccontare con le figure
l'importanza della lettura delle immagine nella narrazione
di Ansuini Cristina - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Cristiana Cerretti
Cristiana Cerretti
A pensarci bene il primo modo in cui raccontiamo ed ascoltiamo delle storie è proprio quello delle immagini: i gesti, le espressioni, i sorrisi ci consentono di comunicare fin da piccolissimi e con i piccolissimi. Basti vedere come si entusiasmano i bambini piccoli, che non sono ancora in grado di parlare, davanti ad un libro cartonato o magari galleggiante!
Che le immagini abbiano un immenso potere comunicativo non è certo una grande scoperta, ma forse non sempre si fa caso alle loro immense potenzialità nel racconto.
Capita di dare per scontate le illustrazioni di un libro o di considerarle un grazioso accessorio che rende più gradevole un testo scritto.
Capita anche di far completare un testo scritto dai nostri alunni con un disegno, magari sinceramente convinti del valore della spontaneità dei loro lavori.
Ponendo invece un'attenzione nuova alla cosa, per nulla banale, vedremo come guidare i bambini ad una lettura attenta e critica dei libri, anche attraverso le immagini che lo completano, non è poi così semplice e come questa attività di lettura delle immagini possa poi essere lo spunto per produzioni davvero personali e originali.
L'ideale sarebbe partire dall'incontro con un esperto per eccellenza, l'illustratore.
È possibile organizzare un incontro, magari all'interno di una libreria accogliente e ben fornita, che faccia toccare con mano ai bambini come - e in quanti modi! - si possa raccontare con le immagini.
Per scendere nell'esperienza vissuta, ricordo un incontro con Cristiana Cerretti, illustratrice che in seguito si occupò del mio libro di filastrocche, che ci disse di preparare l'incontro con lei pensando ad un disegno scaturito da una frase-stimolo tipo "C'era una casa con una torre alta alta e per salire fino all'ultimo piano bisognava..."
Ogni bambino ha prodotto per l'occasione un suo lavoro, in alcuni casi davvero sorprendente, dove ha messo tutto quello che gli ispirava quell'incipit e che l'incipit stesso non conteneva: il panorama circostante la casa, le persone che ci abitavano, piante, animali ...era nata una storia!
Durante l'incontro è stato bello vedere come lei aveva sviluppato quell'inizio, le tecniche diverse che aveva utilizzato, dando nuovi input ai bambini.
Tale e tanto è stato l'entusiasmo dei bambini, e anche il mio!, che al ritorno a scuola ci siamo messi alla ricerca di figure per trovare ognuno un suo stile, che magari si ispirasse ad un illustratore, chi più poetico e sognante come quello di Cristiana Cerretti, chi più giocoso e allegro come quello di Anna Laura Cantone, chi più nitido e "bambinesco" come quello di Nicoletta Costa...trovando soluzioni nuove e originali per disegnare animali o persone, città o fiori.
Anna Laura Cantone
Anna Laura Cantone

È stato un modo canalizzare e guidare le idee creative dei bambini: quello della bella spontaneità dei disegni infantili è più un mito che una realtà. Da un punto di vita "artistico" non è difficile notare come spesso i disegni dei bambini risultino stereotipati e ripetitivi, tanto da richiedere spesso un suggerimento, una guida, da parte dell'insegnante: chi non ha visto microdisegni perdersi in una pagina tutta cielo? Chi non ha visto quegli stessi cieli cosparsi di "sederini volanti" spacciati per migrazioni di uccelli?
Confrontarsi con gli illustratori ha significato anche saper usare al meglio lo spazio a disposizione, scovare un modo facile e poco convenzionale di disegnare un uccello o un fiore, vedere come a seconda delle storie lette o inventate si potesse copiare o creare uno stile: una favola di animali nello stile netto e colorato in modo deciso di Lele Luzzati, una storia misteriosa con lo stile più sfumato di Octavia Monaco, una fiaba tradizionale con quello di Nicoletta Costa...
Nicoletta Costa
Nicoletta Costa

Tutte queste attività hanno trovato un loro luogo ideale in un laboratorio espressivo che ha fatto sì che si sviluppassero nel modo migliore, utilizzando tecniche grafico-pittoriche diverse, dal collage allo stencil, dall'acquerello ai pastelli ai cera, fino ad utilizzare la stoffa o la carte adesiva, sperimentando sempre delle novità, un po' come ci aveva suggerito Cristiana Cerretti che non definiva mai nettamente il suo stile, ma pensava sempre soluzioni nuove, utilizzando sempre tecniche alternative e strizzando anche l'occhio alle grandi possibilità che offre la computer grafica.
Nell'ambito di un lavoro quotidiano poi, ma soprattutto in modo sistematico all'interno di un laboratorio di lettura, si procede quindi con un'attenzione nuova a guardare le immagini , scegliendole da giornalini e cataloghi delle case editrici - sono una vera fonte di figure meravigliose! - per produrre storie, filastrocche, poesie, racconti, proprio a partire dalle immagini, un po' il lavoro inverso a quello che fanno gli illustratori...anche se Cristiana Cerretti ci ha raccontato che per scrivere il suo racconto "Il colpo della strega" Silvia Roncaglia si è ispirata proprio a un suo disegno!...

Cristina Ansuini, Psicologa, Docente I.C. "2 ottobre 1870", Piazza Borgoncini Duca, Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional