Torna nella homepage
 
n.5 settembre 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:15 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Rime di rabbia'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Long Life Learning 7 Long Life Learning
Pagina Dalla redazione 9 Dalla redazione

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Rime di rabbia
Quando la poesia aiuta a vivere meglio
di Ansuini Cristina - Didattica Laboratoriale
Era un po' che girellavo intorno a questo librino, che di volta in volta mi avvicinava e mi respingeva; da un lato ero attratta da uno dei miei autori preferiti, dall'altro guardavo con un pizzico di sospetto a questa emozione così poco spendibile socialmente: la rabbia è - solitamente e normalmente - qualcosa da nascondere, da non far notare, di disdicevole da mostrare.
Alla fine la passione per la poesia e la curiosità libresca hanno avuto la meglio e mi sono ritrovata in libreria a sfogliare "Rime di rabbia". Questo librino che mi ha immediatamente rapita, a partire dalla prefazione di Anna Oliverio Ferraris - docente presso la facoltà di Psicologia dell'Università di Roma "Sapienza", nonché mia relatrice di tesi! -

Infatti, proprio leggendo il suo racconto, dell'esperienza di una mamma esasperata dai figli che riesce ad elaborare positivamente la sua rabbia verso di loro, mi sono resa conto di una realtà lampante, ben visibile ogni giorno da ciascuno di noi, cioè di come, se è vero che la rabbia apertamente espressa non è socialmente gradevole, è anche vero che fa parte della nostra vita in modo piuttosto massiccio!

Vogliamo pensare solo per un attimo a tutte le "occasioni rabbiose" che ci capitano a scuola?
Allora che fare? Soffocarla sotto strati di rancore e sensi di colpa? Scaricarla liberatoriamente alla "come viene viene" senza preoccuparsi troppo delle conseguenze?
Entrambe queste soluzioni non sono certo tra le più salutari, mentre "Rime di rabbia" aiuta a risolvere con sorriso serio - pardon per l'ossimoro! - quei momenti difficili, complicati dai quali spesso non riusciamo ad uscire "sani e salvi".

Dalla delusione per il tradimento di un amico al sentimento di esclusione, all'impotenza di fronte a situazioni più grandi di noi al rammentare anche a noi adulti le cose davvero essenziali, c'è tutta una gamma di immagini nelle quali riconoscersi e dalle quali trarre spunto per esplorare nuove vie di fuga, nuove elaborazioni.
Mentre leggevo e rileggevo mi sono passate davanti tantissime situazioni scolastiche complesse, difficoltose, ma tutte potenzialmente da sconfiggere, da neutralizzare, da sorridere con un pugno di rime.
Il mondo in cui siamo immersi purtroppo non ci aiuta certo ad elaborare in modo sano dei contenuti difficili, che pure ci appartengono : siamo circondati da situazioni urlate, trasmissioni televisive - spesso costruite all'uopo... - in cui la gente si insulta senza problemi, siamo sovente impotenti testimoni di violenze gratuite per i motivi più banali.

È bello offrire ai nostri alunni sempre nuovi strumenti per digerire, metabolizzare la realtà, anche quando è meno piacevole, per insegnare loro che ci sono delle modalità, più giuste, più "umane" per reagire a quello che non ci aggrada!

Ma come possiamo lavorare a scuola con "Rime di rabbia"?

Le modalità possono essere tra le più variegate e personali:
- possiamo utilizzarlo per un cerchio magico, mettendo al centro tutte le situazioni che ci fanno arrabbiare, raccontandole, drammatizzandole, giocandoci e magari scegliendo le poesie più vicine alle varie "occasioni rabbiose";
- possiamo partire da una o più poesie da smontare ed utilizzare come scheletro da rimpolpare, per personalizzare un testo e renderlo più nostro;
- possiamo improvvisarci maghi e streghe e inventare altre formule magiche per neutralizzare quelle sensazioni che ci risultano più fastidiose;
- possiamo visualizzare e disegnare le due città, della rabbia e della non-rabbia, scrivendoci su adeguati nomi di strade e piazze:
via degli occhi torvi, piazza dei bisticci, vicolo del sospetto,...per la città della rabbia,
viale del sorriso, largo degli incontri, salita della serenità,...per la città della non rabbia.

Il bello sarà poi trovare delle strade che colleghino le due città, che aiutino quindi a superare quei momenti di chiusura, di negatività, di ostilità legati alla rabbia -via della dialogo, via del cambiamento, via della risata, via della lettura- perché no?!: spesso i libri hanno un potere terapeutico!

Devo dire che ho preso l'incontro con questo libro, proprio nel germoglio di questo nuovo anno, un po' come un buon auspicio, non certo con l'intenzione di arrabbiarmi spesso, ma con quella di saper riconoscere ed affrontare nel modo giusto quei momenti "no" che inevitabilmente si affacciano nella vita - lavorativa e no - di ognuno di noi.
I libri in questo mi hanno sempre aiutato non poco, dandomi quelle visioni nuove, risolutive, che a volte sfuggono nei momenti più scuri, pur nella loro lucentezza.
Mi piace molto l'idea di mettere a disposizione dei miei alunni un po' di quegli strumenti e di quelle risorse che tanto faticosamente ho racimolato e anche solo l'intuire il grande potere dei libri mi sembra un'opportunità da non lasciarsi assolutamente sfuggire!

Rabbia, rabbia
Fiato di sabbia
Sangue di gioco
Fiore di fuoco
Fiammeggia al sole
Consuma tutto
Lasciami il cuore
Pulito e asciutto


Cristina Ansuini, Psicologa, Docente presso la Scuola "2 ottobre 1870", I.C. Piazza Borgoncini Duca, Roma

Ti suggerisco di leggere anche due articoli:
Il Cerchio Magico. Quando la comunicazione si fa circolare! di Antonia Melchiorre Clicca qui
Merende filosofiche. Assaggi di filosofia da gustare tutti insieme di Cristina Ansuini Clicca qui

Tra gli e-book di Sysform Editore:
Coriandoli di parole. La scoperta del testo poetico a scuola di Cristina Ansuini
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
articolo di bruno tognolini articolo di bruno tognolini
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional