Torna nella homepage
 
n. 28 dicembre 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:17 Novembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Sono dislessica, mica cretina ... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Orizzonte scuola 3 Orizzonte scuola
Pagina Didattica Laboratoriale 7 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Sono dislessica, mica cretina ...
ed oggi sono ...
di Gasperini Serena - DSA e...dintorni
Avevo 13 anni quando sentii dire ai miei genitori: "Eh, ci dispiace ma vostra figlia non può fare nessun tipo di istituto scolastico, deve fare solo corsi pratici per svolgere lavori manuali". Io non capivo. Ma cosa succedeva? Perché non potevo andare al liceo??

A scuola avevo fatto solo un test. Un test attitudinale, per sapere se ero portata a materie scientifiche, letterali o tecniche.

Beh, è vero, non ero velocissima nel fare i compiti, mi ci voleva un po'; le poesie non erano il mio forte, però le imparavo; la matematica mi piaceva, ma dovevo ragionarci su e trovare io stessa il modo per ottenere le soluzioni (quelle degli altri non sempre riuscivo a comprenderle o per me non erano tanto logiche); i temi ho imparato piano piano a renderli logici e consequenziali.

Insomma io potevo imparare tutto, potevo studiare tutto solo che avevo i miei tempi e imparavo con i miei metodi. Ci voleva solo un po' di tempo e pazienza. Quante volte ho sentito pronunciare la frase: è molto intelligente, ma non si applica, si distrae, commette errori incomprensibili eppure le cose le sa!!! Mio padre non si arrese (sapeva che non ero cretina... non mi mancava nulla) e credette in me. Io mi fidai ed iniziai il liceo classico.

È stata durissima: versioni di latino e greco, letteratura, filosofia (ancora oggi al pensiero delle interrogazioni mi tremano le gambe); ogni estate dovevo riparare due o tre materie, ma in quelle occasioni avevo tutto il tempo per capirle!

Insomma, è stata dura e difficile ma sono arrivata in fondo e mi sono diplomata.

Poi, visto che c'ero ho proseguito con l'università.... Giurisprudenza!!!

E anche, qui mica facile! Libri su libri... le pagine scorrevano lente e quanta fatica per ripetere ma gli esami li superavo e procedevo verso la laurea.

Non mi sono mai arresa ma la sensazione di inadeguatezza e la frustrazione per i confronti con le compagne mi ha accompagnato per tutto il percorso di studio, incidendo anche sulla sicurezza in me.

Tutta la vita a pensare che gli altri fossero più bravi di me, più capaci di me. L'insicurezza è stata la mia fedele compagna di viaggio.

Solo sei mesi fa, all'età di 38 anni, ho scoperto di essere dislessica e discalcula; tutto mi è apparso più chiaro...

Adesso capisco perché il libro sul mio comodino ha le "orecchie" alle pagine (se non metto il segno, rileggo la pagina... è come avere un deja vù); adesso capisco perché quando scrivo inverto qualche lettera; adesso capisco perché quando mi presentano una persona non ricordo il nome... questi sono gli scherzetti della mia dislessia.

Adesso so. Solo adesso capisco che .....

... che io sono dislessica, mica cretina... e oggi sono un bravo avvocato penalista che ha come compagna di viaggio la forza e la determinazione.

La dislessia per me è stata un dono non un difetto.

Serena A. Gasperini, avvocato penalista - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional