Torna nella homepage
 
Numero: 4 -Marzo 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 15 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Stare in punta di piedi è prop... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Stare in punta di piedi è proprio difficile!
Musica e giochi in palestra
di Addolorato Cristina - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Spesso le insegnanti evidenziano nei bambini la difficoltà di controllare i loro movimenti, di rispettare limiti di spazio e di tempo: in sostanza si parla della capacità di equilibrio statico e dinamico.
Anche nella nostra classe prima sono emersi questi problemi, che abbiamo pensato di risolvere con esercizi specifici da effettuare in palestra. Con il nostro esperto di psicomotricità, Alessandro, abbiamo coinvolto i bambini in giochi dedicati allo sviluppo di queste capacità, utilizzando strumenti semplici : lo stereo, le palline di plastica, i cerchi.
Nel primo gioco, ascoltando musica ritmica, i bambini possono muoversi liberamente nello spazio (metà palestra) ma allo stop della musica, devono rimanere immobili nella loro posizione: come statue.
Poi lo spazio viene limitato ancora (con i birilli) e loro si devono fermare, rimanendo in equilibrio sul piede destro o sinistro, a piacere. Anche la musica cambia: da veloce a lenta e viceversa (abbiamo utilizzato musica spagnola) e loro devono cercare di collegare il movimento al ritmo.
Nel secondo gioco si distribuiscono i cerchi nello spazio limitato; all'avvio della musica possono muoversi ma senza entrare nei cerchi. Quando la musica si ferma devono entrare a coppie nei cerchi e rimanervi in punta di piedi, la prima volta, poi con il solo piede destro e poi con solo il piede sinistro.
Di fronte a questo gioco, le reazioni dei bambini sono state diverse: alcuni hanno avuto difficoltà ad eseguire più comandi insieme, molti, coinvolti dal ritmo e dal movimento, non si sono accorti quando la musica è finita; tutti però hanno rispettato la limitazione dei cerchi, anche Lorenzo che invece di evitarli e girarci intorno, tentava di saltarli (senza riuscirci, viste le sue difficoltà motorie), sfidando se stesso e la regola.
Poi ci siamo presi un momento per il rilassamento: con una musica dolce di sottofondo, i bambini si sono stesi sul pavimento in posizione prona e ad occhi chiusi, muovendo lentamente una mano alla volta, poi sentendo il respiro con una mano sul cuore: sono rimasti così per alcuni minuti, ascoltando in silenzio la musica. Quando si sono rialzati per formare il cerchio, erano così rilassati che molti sbadigliavano!
Nel cerchio magico finale abbiamo riparlato dei giochi fatti e delle loro sensazioni: molti hanno riferito della difficoltà di evitare di entrare nel cerchio e di stare in punta di piedi, in equilibrio dentro il cerchio. Tutti però si sono divertiti e abbiamo promesso di riproporre presto questi giochi.

Cristina Addolorato Docente 196° Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional