Torna nella homepage
 
Numero: 3 -Febbraio 2008 -Anno I   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 24 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Storie a confronto'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Editoriali Editoriali
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 3 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 5 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Storie a confronto
Il progetto memoria
di De Marino Francesca - Didattica Laboratoriale >>> Percorsi laboratoriali
Il recupero della memoria e la testimonianza rappresentano temi di cui si discute da tempo in diversi contesti e andrebbero considerati anche nel mondo della scuola come utili strumenti di lavoro.
Infatti di fronte alla mentalità dilagante del "tutto dato o dovuto", dell' "usa e getta", dell'immagine che sostituisce la parola, sembra più che mai necessario un rinnovato impegno a recuperare e potenziare i connotati formativi della memoria come processo di crescita globale.
Sottoposti a continue sollecitazioni, i bambini sono sempre più bisognosi di spazi di riflessione per rielaborare e dare un senso al loro passato, al loro lavoro scolastico, per ritrovare il linguaggio del gioco di relazioni vissute, inventate, condivise attraverso testimonianze dirette. Il bisogno di riappropriarsi di memorie e di valori rappresenta la base per il riconoscimento della propria identità.
I bambini hanno bisogno di memoria e di rappresentazione di quello che fanno, e noi docenti abbiamo bisogno di memoria per arricchire il nostro capitale sociale, pedagogico e didattico e fare su di esso continua metariflessione. Le storie di vita, le narrazioni personali, i racconti sono un'occasione per mettere in relazione le nostre memorie con quelle degli altri e quindi per "produrre conoscenza".

L'iniziativa che si presenta, in corso di sperimentazione, tende a sostenere le attività socio-educative programmate all'interno della scuola per la continuità, intesa non tanto come "mancanza di cambiamento", ma piuttosto come capacità di valorizzare le competenze già acquisite dagli alunni mediante una opportuna metodologia che favorisca l'aspetto pratico-operativo.
L'idea è di dedicare due settimane alla trasmissione e diffusione delle esperienze realizzate negli anni precedenti, offrendo ai bambini momenti di riflessione sul loro passato scolastico, recuperando così il proprio vissuto e valorizzando anche gli aspetti emotivi, temporali e relazionali.
Si è chiesto ai gruppi classe di recuperare un'esperienza, riorganizzarla per comunicarla ad altri gruppi e poter insieme riflettere su quello che facciamo.
Sulla base delle disponibilità di alunni e insegnanti si è organizzato un calendario di conferenze, dal titolo "STORIE A CONFRONTO", coinvolgendo gruppi della scuola dell'infanzia, della scuola primaria e secondaria di primo grado: il percorso utilizzerà la parola, le narrazioni personali e i prodotti realizzati come elementi fondanti per l'incontro con gli altri e la costruzione della relazione; la metodologia interattiva sarà caratterizzata da cerchi di dialogo, momenti di ascolto attivo, di rielaborazione personale e di gruppo per ritrovare memorie comuni.
Sarà il "teatro della memoria", la rappresentazione di noi stessi, nella costruzione e condivisione della nostra storia, per promuovere esperienze formative nelle quali si s'instaurino rapporti tra studenti, ma anche tra insegnanti.
Mi auguro che questa iniziativa possa sviluppare la motivazione, l'attenzione e la curiosità dei bambini a ricostruire la storia delle relazioni avvenute nel contesto scolastico, dando una gratificazione a quanti si sono impegnati.
Ogni alunno potrà così entrare in contatto diretto con le fonti utili alla ricostruzione del passato ed analizzarle in maniera attiva e critica, assaporando la gioia di aver salvato dall'oblio testimonianze importanti per la propria comunità.
In tal modo verrà trasmesso il concetto secondo il quale solo attraverso la narrazione ed il racconto di quanto "scoperto" si fa compiere un piccolo passo in avanti alla storia di ognuno, a quella del gruppo classe, della comunità scolastica...e poi, a quella del mondo!

Francesca De Marino Docente 164° Circolo Didattico "E.Chiovini" - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional