Torna nella homepage
 
Numero: 9- maggio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 21 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'The meeting is at 9.00: norweg... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 5 Oltre a noi...
Pagina In diretta dalla Segreteria 7 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
The meeting is at 9.00: norwegian time!
L'appuntamento è alle 9.00:orario norvegese!
di Parisi Serena - Organizzazione Scolastica
Fine maggio 2009: conclusione del primo progetto Comenius del 196° circolo. Il final meeting è a Lisbona, stupenda città sull'estuario del Tago, che ci ha accolto con clima mite e bellezze artistiche, architettoniche e culinarie che difficilmente dimenticheremo. Il gruppo alla partenza è composto da Dirigente, Dirigente amministrativo, collega capoComenius e altri tre insegnanti. La confidenza con loro era già consolidata da tempo, si prevedeva un viaggio senza grosse sorprese.

Ogni volta che i membri del progetto hanno utilizzato le mobilità, si sono trovati davanti a stili di accoglienza diversi: quando siamo state in Norvegia, il calendario degli impegni si presentava fitto, qui da noi fittissimo.
A Lisbona il programma delle attività aveva, invece, caratteristiche più "soft", ci concedeva un po' più di tempo per fare i turisti. Il progetto viveva la sua conclusione ed è stato bello raccogliere i frutti di tre anni di lavoro a distanza e incontri sporadici ma ricchi di significato. La dirigente portoghese, Maria, dolce ed accogliente, ha dipinto la nostra permanenza con il suo affetto e la sua gentilezza, caratteristiche che accomunano tutto il suo staff.

Il momento più bello? Durante un pranzo luculliano offerto dalla scuola portoghese mi è venuta a chiamare Maria Lourdes, insegnante di scuola materna, la collega portoghese alla quale mi sono affezionata di più in questi tre anni, dicendomi che doveva fare un salto nel suo plesso, distante pochi minuti di macchina da dove eravamo, e che aveva solo due posti in auto. Poteva essere l'unica opportunità per vedere la sua classe! Sono stata felicissima di accettare, di essere stata selezionata tra tante e anche di realizzare che l'altro posto era stato offerto alla collega norvegese più simpatica e con la quale avevo legato di più...affinità elettive?

Siamo arrivate in una scuoletta composta da un unico ambiente che fungeva da aula, ufficio insegnanti, laboratorio e tutto il resto. Sembrava una espansione della mia amica e collega Maria Lourdes: tutto era nuovo, dolce, ordinato, a misura di utente!
Lei ha radunato i suoi piccoli, bambini con occhi vispi e curiosi, ed ha fatto cantare loro una canzoncina in inglese. Quale è stato il loro stupore quando anche io e Unn ci siamo unite al loro canto e ai loro gesti!

La canzoncina era "Head and shoulders", che ogni insegnante di inglese in Europa ha nel suo repertorio, ed è stato meraviglioso e spontaneo condividere un momento così con quei bimbi e con quelle colleghe!
Subito dopo abbiamo cantato e ballato un'altra canzone che ha la stessa melodia e gesti simili sia in Italia, che in Portogallo e Norvegia. Abbiamo dimostrato con allegria e divertimento a quei bambini che ogni mondo è paese, che ci sono cose che accomunano gli alunni di tutta Europa. Una perla di vita molto emozionante!!

E a noi adulti cosa rimane di questi tre anni? La voglia di migliorarsi prendendo ad esempio i pregi degli altri!
Spesso è accaduto che la mattina, nella hall dell'albergo, noi Italiani fossimo qualche minuto in ritardo rispetto alle colleghe norvegesi sull'orario di partenza. Loro troppo precise o noi troppo elastiche? Ebbene, l'ultima sera ci siamo salutate prima di rientrare nelle rispettive camere dandoci l'appuntamento per la mattina successiva, alle 9.00, per l'appunto. Solveig, la dirigente norvegese, ha aggiunto: orario norvegese! Come per dire :"Siate puntuali!"
La mattina dopo noi Italiani eravamo tutti pronti, puntuali e con qualche istante (minuto proprio no!) di anticipo sull'orario dell'incontro! Ironia della sorte sono state proprio le insegnanti norvegesi a portare qualche minuto di ritardo! Noi ci siamo sforzati di essere migliori, loro un po' più elastiche!

Serena Parisi insegnante specialista di L2 196° Circolo Didattico, Via Perazzi 46 Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional