Torna nella homepage
 
n. 26 ottobre 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:26 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Tocco tocco...tasto!'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Orizzonte scuola 4 Orizzonte scuola
Pagina Scuola & Tecnologia 5 Scuola & Tecnologia
Pagina Dalla redazione 12 Dalla redazione

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Tocco tocco...tasto!
Andiamo al parco o giochiamo alla wii?
di Infantino Aminta Patrizia - Integrazione Scolastica
In qualità di insegnante di Sostegno e di Attività Integrative la prima cosa che mi preme dire è quanto sia necessario mantenere un orientamento educativo equilibrato integrando le tecnologie nel processo di insegnamento apprendimento, con il fine di favorire le potenzialità e i talenti naturali dei ragazzi ma salvaguardando le capacità comunicative e la valenza delle qualità motorie.

Le relazioni dei ragazzi sono prevalentemente inserite in un contesto digitale e, per quanti vantaggi questo possa apportare, toccano più tasti che corpi.
Quanto giocano con il corpo? Quanto si relazionano e si toccano con un 'color color', un'acchiapparella, 'tre tre giù giù', 'strega di mezzanotte'?


Lo stile di comunicazione è cambiato anche per noi 'immigrant' ma noi le nostre tappe motorie le abbiamo sviluppate e concluse.
Si può sostituire la valenza dello sviluppo degli schemi motori di base -quali camminare, correre, saltare, prendere, lanciare, rotolare, arrampicare- con un gioco alla play o con la wii?
L'orientamento spazio temporale, la lateralizzazione, l'equilibrio sono diventati optional?

Noi docenti abbiamo studiato che la rieducazione degli orientamenti spaziali, per far acquisire abilità poco educate, e il ripercorrere gli schemi motori di base, per far lavorare in sincrono i due emisferi, possono favorire la plasticità cerebrale e ridurre moltissimi disagi. Come?
Lo strisciare permette di stimolare il recupero della dominanza favorendo il passaggio delle vie afferenti di destra nell'emisfero sinistro e viceversa e, facendo lavorare in sincrono i due emisferi, uno prevarrà sull'altro ottenendo una migliore lateralizzazione e coordinazione.
Il gattonare prevede il raggiungimento delle funzioni sopraindicate con un controllo più rilevante del capo e del tronco.
Il rotolamento, attraverso il rapido passaggio da una postura all'altra, permette una propriocezione corporea e una sperimentazione del movimento oculare sul piano orizzontale, stimolando e migliorando l'apparato vestibolare.
Con l'acquisizione della capriola il movimento diviene abilità e la motricità oculare migliora la vista e la difficoltà di lettura.
Dal punto di vista intellettivo, per un fisiologico sviluppo, bisogna contare molto sulla sensibilità tattile che le mani esercitano durante questi movimenti.
L'attività motoria compensativa riduce le differenze tra età neurologica ed età cronologica creata dal deficit e il recupero funzionale dei deficit neuro-motori apportano autonomia e apprendimento e diventa equilibratrice nella rieducazione e nel recupero di funzionalità perdute.

L'assenza di movimento induce all'handicap e al disagio e questo non mi stancherò mai di dirlo ai genitori!!!
Sono molti i ragazzi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) male lateralizzati ed è evidente la necessità di proporre attività che mettano il ragazzo nella possibilità di ripercorrere fasi mal strutturate. L'avvento dell'era digitale ha aumentato notevolmente i disturbi specifici di apprendimento.
Eppure per facilitare il compito ai ragazzi DSA lo strumento 'computer' diventa un
supporto compensativo indispensabile ....mmmmmm....Equilibrio!!!

I pomeriggi al parco, o facendo sport, permettono di colmare disturbi di organizzazione spaziale e temporale, di relazioni e integrazioni affettive, di problemi psicomotori e di elaborazione del pensiero astratto.
Se è vero che l'intelligenza è anche, come afferma il Piaget, "facoltà di adattarsi a situazioni nuove", sicuramente le intelligenze di Gardner sono da ristrutturare e gli stili di apprendimento e di comunicazione sono in fase di cambiamento.

Affronto l'argomento in classe: Ragazzi, ma voi che ne pensate?
"Per noi, nati nell'era digitale, è tutto più semplice: per esempio è scontato usare il pc.Ma non esiste solo il computer, il digitale è arrivato in tante forme e ormai non possiamo più vivere senza. A noi piacerebbe avere a scuola una LIM, o addirittura un tablet personale, in modo da non dover comprare i libri in formato cartaceo, risparmieremmo un po' di peso e molta carta.
In classe abbiamo fatto un brain storming su questo argomento e abbiamo 'buttato giù' tutti gli elementi caratteristici dell'era digitale che ci sono venuti in mente.
Abbiamo riflettuto sulle differenze tra la nostra generazione, nata nell'era del computer e quella dei nostri professori, che prima hanno avuto modo di sperimentare altre situazioni
.

Noi siamo i Digital native e siamo figli di:
computer, televisione, playstation, iPod, iPhone, iPad, Wii, 3DS, touch screen, Android, 3D, Samsung, Apple, processo tra Apple e Samsung, Apple, Mp3, LG, Viber, Google, Cubo Vision, What's app, EMP, navigatore satellitare, Wikipedia, Mediaset Premium, eMule, Yahoo, internet, Facebook, social network, Wi-Fi, Itunes, Myspace, Youtube, Instagram, Casa-cinema, Photoshop, Word, Microsoft, Xbox, PSVita, Sony, Sky, Windows, Blu-Ray, E-mail. Persone: Steve Jobs, Bill Gates, Mark Zuckerberg....

I Professori sono figli di:
lettere, telegrafo, radio, macchina a vapore, piccioni viaggiatori, enciclopedia, segnali di fumo, automobile, bici, macchina fotografica analogica, macchina fotografica istantanea (Polaroid), macchina da scrivere, telefono, citofono,cartine, posta, tv...

I vantaggi del digitale: siamo tutti collegati, è tutto più rapido, informazione in tempo reale, tecnologia migliorata...

Gli svantaggi del digitale: pericoloso se mal utilizzato, crea dipendenza, non ti fa avere la concezione della realtà,. rischi la chiusura, ti rimbambisce, sei controllato, hai meno contatti reali, esci di meno il pomeriggio...

Riflettendo sulle Sostituzioni che il digitale ha portato:
Wii- palestra
Tv- radio
Foto-dipinti
The Sims- bambole
Email- posta
Internet- giornali
Telefono- piccione viaggiatore
Wikipedia- enciclopedia
Cinema- teatro
Pubblicità- volantini
Paint, Photoshop- disegnare
Digitale- manualità
Google Earth, navigatore- cartine geografiche

Questo è la riflessione che abbiamo fatto noi ragazzi della terza G".

Aminta Patrizia Infantino, Docente di Sostegno Scuola Superiore di primo grado "Cecco Angiolieri" - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional