Torna nella homepage
 
n.1 marzo 2010
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 25 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Editore

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Tutti in ansia!'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Tutti in ansia!
E' l' ora della 'Pagella'
di Meligrana Francesca - Organizzazione Scolastica
Cari colleghi, per me e per molti di noi, questo è uno dei periodi più critici dell'anno scolastico poiché siamo alle prese con la valutazione di fine I quadrimestre!
In questo periodo l'ansia pervade docenti, alunni e genitori.
I docenti sono ansiosi in quanto debbono cimentarsi nell'arduo compito della 'compilazione' della scheda di valutazione, un tempo chiamata 'pagella', che riassume i progressi da ogni singolo alunno nelle diverse discipline.
Gli alunni sono ansiosi di vedere giudicate le loro fatiche scolastiche.
I genitori sono ansiosi di vedere i risultati dei loro pargoli (e qui mi fermo perché quest'argomento meriterebbe un spazio suo).

Ritengo comunque che il compito più oneroso spetti proprio a noi docenti, in quanto definire i progressi di un alunno attraverso un numero (ricordo che dallo scorso anno scolastico è stata reintrodotto il voto in decimi) è estremamente riduttivo nel caso dei bambini della scuola primaria.
Personalmente avrei lasciato il giudizio (sufficiente, buono, distinto e ottimo) che si prestava meglio a esprimere il percorso di ogni allievo e lasciava il margine per una maggiore spiegazione.
Non dimentichiamo che dietro ad un numero dovrebbe celarsi lo sforzo, l'impegno, l'ansia, il disagio di un individuo e scegliere un numero che rappresenti tutto questo e altro ancora non mi sembra indicato, adatto, sufficiente.
Inoltre il voto in decimi dà un messaggio troppo esplicito e talvolta falsato ad un bambino che ancora non è in grado di filtrare un messaggio così diretto ("sei bravo", "non sei bravo"). Per cui decidere che voto scrivere sul Documento di Valutazione è un compito assai delicato.

All'inizio ho utilizzato il termine 'compilazione' in maniera ironica, proprio perché desideravo sottolineare che per noi docenti giudicare i nostri alunni non è scontato e semplice e dietro ogni voto si cela anche il sudore di docenti che sperano di aver fatto bene il proprio lavoro...

Francesca Meligrana, Docente di sostegno - I Circolo Didattico di Vibo Valentia
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional