Torna nella homepage
 
Numero: 7-marzo 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 13 Dicembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Un bel passaggio'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Un bel passaggio
Una certa soddisfazione
di Rossini Simonetta - Organizzazione Scolastica
In un rapporto tra adulti attribuisco un legittimo valore alle parole che vengono usate; durante una conversazione ognuno deve valutare bene quanto afferma perché i ruoli seri di un contesto lavorativo non prevedono né cadute di stile né supposizioni che possano generare confusione. Definizione chiara dei dubbi che si hanno e richieste dirette alla persona interessata.

Pochi giorni fa, un genitore della mia classe ha espresso delle perplessità su un paio di miei interventi nei confronti della figlia. Il problema è che lo ha fatto con la mia collega (che mi ha semplicemente segnalato l'accaduto senza commenti di nessun genere) piuttosto che con me nonostante sia sempre disponibile a ricevere chiunque lo chieda: ho trovato la cosa poco corretta e, d'istinto, ho pensato ad un passaggio del quale, poi, sono rimasta molto soddisfatta.
La mattina stessa ho chiamato la signora al telefono affermando che, da professionista, ero in grado di rispondere in maniera più che esaustiva ai dubbi che aveva espresso alla mia collega: ero pronta a riceverla anche subito.

Quando è arrivata le ho spiegato con la massima chiarezza che i miei interventi sulla bambina non erano stati né avventati né casuali ma avevano permesso all'alunna di partecipare al tentativo di creare un gruppo classe più coeso grazie ad una riflessione che stavamo facendo proprio su uguaglianza e diversità: la perplessità della signora risiedeva nel fatto che avevo trattenuto in classe la figlia durante l'ora di religione dalla quale è esonerata. All'invito della signora a parlare davanti alla bambina di argomenti "prettamente religiosi" ho gentilmente, ma fermamente, ribadito che farlo sarebbe stato mancare di rispetto nei confronti della loro scelta.

L'altra questione riguardava il compito di fare fotocopie assegnato alla bambina: e qui ho superato me stessa....
Ho parlato di come, invece che i "cattivi", faccio scrivere alla lavagna quelli più corretti nei comportamenti perché possa creare un elenco di miei "aiutanti" capaci e autonomi nell'assumere e portare a termine degli incarichi. Le ho raccontato di come sia ambito questo ruolo e di come siano contenti, tutti, di dimostrarsi capaci.
Le ho fatto notare che l'ambiente fisico della scuola è formato da spazi diversi dall'aula e che esplorarli spesso rende i bambini più autonomi e più sicuri nel muoversi in contesti diversi.
Mi sono insomma dimostrata più che sicura delle mie azioni! E sono stata brava a troncare sul nascere alcune sue divagazioni su questioni che riguardavano altre persone non presenti all'incontro.

Forse non tutti capiranno la mia soddisfazione .... Ma sono veramente stufa di come talvolta non venga riconosciuto il nostro ruolo di professionisti: ho tanti dubbi, sono certa che devo capire e imparare ancora molto....ma per l'attenzione e il rispetto che contraddistinguono il mio rapporto con i bambini, al termine del mio orario di servizio, mi posso permettere di uscire da scuola a testa alta.

Mi sembra giusto che la signora in questione, e non solo lei, lo sappia.

Simonetta Rossini Docente 196° Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional