Torna nella homepage
 
Numero: 2-ottobre 2008- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 18 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Un contemporaneo di nome Monta... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Emergenza scuola 2 Emergenza scuola
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale

Ricerca avanzata >>>
Un contemporaneo di nome Montaigne
Tempi e bisogni degli alunni
di De Marino Francesca - Emergenza scuola
In tempi di riforme e di novità che non costituiscono alcun motivo di merito, giacché proprio come novità si presentano idee assurde e ridicole, ho ritrovato in pagine illuminanti il conforto di insegnamenti preziosi:
la capacità dell'insegnante di rispettare i tempi e i bisogni degli alunni è proposta con forza e rara lucidità anche da un saggista-filosofo come Montaigne, che nei suoi "Essais" si può dire abbia posto le basi del pensiero moderno per quanto riguarda la libertà di pensiero e la tolleranza nei confronti della diversità.
Nelle parti dedicate all'educazione, intitolati rispettivamente "Della pedagogia" e "Dell'educazione dei fanciulli", un interesse costante è rivolto
? all'ascolto "non si smette mai di blaterare nei nostri orecchi come si versa in un imbuto",
? al valore dato all'esperienza "tutto quello che si presenta ai nostri occhi serva sufficientemente da libro",
? all'elaborazione autonoma delle nozioni "Le api saccheggiano i fiori qua e là, ma poi ne fanno il miele, che è tutto loro; non è più timo né maggiorana...",
? al confronto con usi e costumi diversi "per sfregare e limare il nostro cervello contro quello degli altri",
? all'importanza di una relazione armoniosa fra mente e corpo "Non è un'anima, non è un corpo che si educa: è un uomo, non bisogna dividerlo in due"
per concludere che la scienza nasce dal desiderio e dall'amore e per far bene, "bisogna non solo riporla in sé, bisogna sposarla".

Ma è soprattutto il matrimonio fra pensieri e sentimenti, che trova un primo fertile terreno nell'esperienza educativa quando la scuola riesce realmente ad essere occasione di domande e non gabbia costrittiva di risposte o, come la definisce Montaigne, "un vero carcere di gioventù prigioniera".

Francesca De Marino Docente 164° Circolo Didattico "E.Chiovini" - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional