Torna nella homepage
 
n. 27 novembre 2012
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:19 Settembre 2018 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Un laboratorio a scuola sul me... >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 2 Organizzazione Scolastica
Pagina Orizzonte scuola 3 Orizzonte scuola
Pagina Dalla redazione 13 Dalla redazione
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
DSA e...dintorni DSA e...dintorni
L'intervista L'intervista
Long Life Learning Long Life Learning
Orizzonte scuola Orizzonte scuola
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica

Ricerca avanzata >>>
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Un laboratorio a scuola sul metodo di studio (1^ parte)
Temi e programmazione dell'intervento
di Bevar Ernesta Angela - Organizzazione Scolastica
Il laboratorio su motivazione e metodo di studio si è svolto in tre giornate diverse presso l'Istituto Carlo Tenca di Milano. Gli obiettivi che questo percorso si prefiggeva erano i seguenti:

acquisire consapevolezza circa le modalità di apprendimento proprie e altrui;
imparare a individuare le strategie migliori per la gestione del proprio apprendimento rispetto a un testo scritto;
individuare o scoprire nuove strategie di esposizione nelle discipline orali;
riflettere insieme ai compagni sul metodo e sulla gestione del tempo dedicato alla costruzione e alla cura del proprio apprendimento;
comprendere quanto la motivazione possa influenzare il successo scolastico;
imparare a superare sconforto e rabbia, frustrazione e bassa autostima attraverso una corretta valutazione delle proprie potenzialità;
stimolare una riflessione che getti lo sguardo al futuro;
provare a connettere il come si frequenta la scuola al perché a scuola si comincia a costruire il proprio percorso di vita.

Sono stati forniti agli allievi alcuni materiali: griglie per esercitazioni durante le ore di recupero, schemi con consigli utili alla gestione del tempo, alla memorizzazione e assimilazione dei contenuti di testi scritti. Inoltre si è stabilito di raccordare le ore di lezione con compiti veloci e interessanti per poter verificare di lezione in lezione l'efficacia di quanto precedentemente condiviso.

Una delle due classi coinvolte aveva precedentemente seguito alcune ore di lezione sui seguenti argomenti: attenzione, apprendimento e organizzazione del proprio studio attraverso una analisi guidata sul funzionamento della memoria, sulle diverse modalità per la raccolta di appunti in classe durante le lezioni, come si costruisce una mappa concettuale, come si struttura il proprio materiale di studio attraverso l'elaborazione di schemi e riassunti.


LA PRIMA GIORNATA DEL LABORATORIO
Il percorso del corso di recupero su motivazione e metodi di studio si è articolato in tre ore di lezione.
Nel corso della prima lezione si è condivisa una riflessione guidata sul tempo e sulle ipotetiche strategie che ogni studente può mettere in atto per gestire al meglio i propri impegni scolastici, le scadenze e le necessità di recupero senza dover rinunciare a tutti gli impegni personali o alle proprie passioni (gli studenti di questa classe del liceo delle scienze sociali con indirizzo musicale dedicano buona parte del proprio tempo libero alle lezioni di musica e a suonare il proprio strumento).

Alla fine dell'ora di lezione è stata consegnata agli studenti una intervista strutturata con domande mirate a una riflessione successiva in cui sono stati analizzati alcuni temi essenziali: la motivazione, come si può imparare a imparare, la piacevolezza di apprendere, eccetera.
Ogni studente, nella settimana intercorsa tra la prima e la seconda lezione, avrebbe dovuto rivolgere questa intervista a un amico coetaneo, a un parente adulto e a un fratello più grande.

1. Introduzione al percorso.

2. Elaborazione di un planning settimanale dopo l'analisi di uno schema-tipo della propria settimana (Allegati 1 e 2).

3. Lettura della scheda "Dal devo al voglio" e riflessione guidata su suggerimenti e spunti di riflessione: le strategie migliori per gestire il proprio tempo-studio.

4. Consegna 2 schede con intervista da svolgere a due amici, parenti, compagni per la prossima lezione in vista di un lavoro condiviso sulla motivazione. Si porranno attraverso questo esercizio delle domande con un approccio metacognitivo al fine di stimolare una personale riflessione sulla propria modalità di apprendimento.


Scheda DAL "DEVO" AL "VOGLIO"

1. Innescare delle buone abitudini di studio, prendere per così dire il ritmo.

2. Programmare dei blocchi di tempo di studio e delle interruzioni: il blocco ideale di studio è di 50 minuti, il tempo per le interruzioni non dovrebbe superare i 10 minuti. Alcune materie difficili possono richiedere più frequenti interruzioni. Accorciare i blocchi di studio, se necessario, ma non dimenticate di tornare al compito a portata di mano! Quello che fate durante la pausa dovrebbe darvi l'opportunità di fare uno spuntino, rilassarsi o comunque riprendere le energie.

3. Scegliere un posto dove studiare che sia: un luogo libero da distrazioni (nessun telefono cellulare o SMS, nessun computer, facebook o msn), per massimizzare la concentrazione ed essere liberi da distrazioni si dovrebbe anche avere uno spazio proprio con luce tavolo e libri a portata di mano oppure andare in una biblioteca. Non studiare in cucina o in ambienti di passaggio dei familiari.

4. Creare un planning della propria settimana, riguardarlo e aggiornarlo la domenica: devono essere annotati scadenze, compiti in classe, interrogazioni, impegni di vario genere che potrebbero rubare del tempo allo studio in modo da calendarizzare quando studiare con calma.

5. Da quale materia comincio a studiare? Iniziare dalla materia più difficile o dal compito più complesso, perché si è più freschi mentalmente per poterlo affrontare, si ha maggiore energia all'inizio del pomeriggio rispetto alla sera.

6. Inutile posticipare le attività che devono essere svolte, meglio portare tutto a termine quando si può e senza prolungare troppo i tempi delle proprie scadenze. Ogni attività che ci distrae sarà più piacevole dopo, senza la pressione della prova sospesa sopra la testa. Riflettete su cosa vi porta più spesso a distrarvi e cercate di mettere da parte quella distrazione o di rimandarla a dopo.

7. Chi sono i miei tutor? I libri di testo innanzitutto (usare bene indice, indice dei nomi per eventuali approfondimenti, vocabolarietto, immagini, riassunti alla fine dei capitoli, esercizi, ecc...); il vocabolario di italiano e vocabolario dei sinonimi e dei contrari se si scrive un testo; i docenti per porre domande, per risolvere dubbi; i vostri compagni di classe per confrontare i propri appunti con quelli degli altri, per scambiare idee e informazioni, per interrogarsi a vicenda prima delle verifiche.

8. Usare bene il proprio tempo: si può leggere quando si è in treno, in bus invece che sentire musica (rimandare la musica a quando sono più stanco magari la sera, la lettura non posso rimandarla a quando sarò più stanco...).

9. Darsi delle ricompense: inizio a studiare, ma dico a me stessa che alle 17.30 berrò un the, mangerò una mela, ascolterò un paio di canzoni alla radio, leggerò qualche pagina del mio fumetto preferito, suonerò qualcosa...

10. Più ti allenerai, meno avrai bisogno di una rigida organizzazione del tuo tempo, perché per abitudine ti ritroverai a rispettare tempi di studio, scadenze e impegni. E in più certamente troverai delle materie che ti piaceranno a tal punto da voler dedicare sempre più del tuo tempo libero allo studio.


(nel prossimo numero le indicazioni per continuare il percorso di laboratorio sul metodo di studio a cura sempre della stessa Autrice)

Ernesta Angela Bevar, docente di sostegno IIS Caterina da Siena - Milano

Allegato 1
Allegato 2
Intervista strutturata
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
Prospetto settimanale Prospetto settimanale
Il tempo dedicato all'attività Il tempo dedicato all'attività
Intervista struttura Intervista struttura
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional