Torna nella homepage
 
Numero: 9- maggio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 25 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Un progetto sulla bilancia'  >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 5 Oltre a noi...
Pagina In diretta dalla Segreteria 7 In diretta dalla Segreteria

Ricerca avanzata >>>
Un progetto sulla bilancia
Storia e analisi di una progettazione di plesso
di Mugione Mariella - Didattica Laboratoriale
E' sempre prima dell'estate che ci si mette sulla bilancia per soppesare quanto durante i mesi invernali abbiamo messo su.

Oggi, a fine maggio, a chiusura d'anno scolastico, sulla bilancia metto un peso speciale: un progetto, un plesso, ed è giusto che lo faccia sulle pagine della rivista perché ai miei lettori -ai quali ho raccontato le esperienze positive, riuscite con successo- è giusto, necessario e quasi d'obbligo, comunicare le problematicità, i nodi critici che derivano da una progettazione non riuscita secondo le aspettative.

La storia del progetto viene da lontano, da diversi anni fa: con insegnanti, che sono ormai fuori dalla scuola, si tramandava l'insegnamento del flauto e ci si avvicinava alle danze popolari mettendo a frutto le competenze di alcune colleghe. Con l'andar del tempo la volontà di esprimerci come plesso attraverso la musica si è sviluppata, anche grazie alla partecipazione ad un convegno organizzato nella scuola sulle attività e lo sviluppo di laboratori musicali.

E' quindi nato un progetto di durata triennale che prevedeva percorsi musicali di canto, strumentario e danza in tutte le classi del plesso, ognuna con una sua specificità e tutte con l'aiuto, presenza e collaborazione di esperti esterni coinvolti con il sostegno economico delle famiglie.

Gli obiettivi del progetto sono stati ben delineati e trovavano ispirazione nella convinzione che l'educazione alla musica e alla danza devono essere considerate parte integrante dell'intero curricolo formativo della scuola primaria, percorso necessario e imprescindibile per un completo ed equilibrato sviluppo dei bambini.

Ne derivava un approccio interdisciplinare, in cui la pratica della musica e della danza sono da intendersi in stretta interazione con altre discipline curricolari, pur riconoscendo a questo ambito una propria specificità riguardo obiettivi, contenuti, aspetti metodologici e modalità di valutazione. Questa particolarità si deve innanzitutto dalle forme che questi linguaggi assumono, dalla loro sintassi, dalle conoscenze e dalle competenze espressive e comunicative che essi implicano.
L'interdisciplinarità non si esaurisce, quindi, nel semplicistico accostamento o inclusione di qualche unità di musica e danza a latere delle principali materie curricolari, ma è concepita come cooperazione e integrazione di profili professionali differenti -l'insegnante di classe e l'esperto esterno- che concorrono alla formulazione di un progetto formativo trasversale.

Su queste premesse e per dare maggior risalto all'iniziativa e vivere insieme questo momento dedicato alla musica, abbiamo scelto di "aprire" i tre laboratori nello stesso giorno e nelle stesse ore: di conseguenza anche l'organizzazione oraria delle insegnanti ha previsto l'impiego delle compresenze, sollecitando e richiedendo quindi più condivisione e responsabilità sul progetto stesso.

Avendo ipotizzato un percorso triennale, gli obiettivi sono stati scanditi in tal senso, in un crescendo di capacità da sviluppare e raggiungere.
Questo è avvenuto, ed è risultato tangibile e apprezzato con soddisfazioni da parte di insegnanti e famiglie per quanto riguarda il percorso delle classi che hanno terminato, per le mie classi quinte e per le classi prime, dove la scelta di rendere visibile il percorso svolto e quindi esibirsi in un teatro è stata appagante, il partecipare ed essere coinvolti in un evento cittadino ancor più emozionante e significativo.

Quest'anno, però, l'evento finale non ha riscosso soddisfazione: ci sono stati evidenti segni di insofferenza durante lo spettacolo dovuti ai differenti tempi di permanenza sul palco di alcune classi rispetto ad altre, alla maggiore visibilità del percorso o alla maggiore attenzione all'evento scenico.

Queste problematicità mi inducono a riflettere, a chiedermi il perché? da cosa dipendono? da chi?
Ovviamente non ho risposte definite, posso rilevare i fatti e cercare di dare alcune spiegazioni perchè, laddove intervengono fattori umani e sociali, le risposte sono molteplici e complesse.
Ci sono fattori che interessano il ruolo dell'insegnante, dell'esperto e delle famiglie.

Per quanto riguarda i docenti, la durata triennale del progetto ha dato più respiro e ha disteso i tempi e, per chi come me ha partecipato al progetto "da dentro", ne ha definito gli obiettivi e valutato progressivamente il decorso.
Altri, giunti in itinere, potrebbero non averlo sentito come proprio ma come qualcosa calato dall'alto, quasi obbligatoria o di pertinenza esclusiva dell'esperto, con una ridotta partecipazione nel concordare i dettagli del percorso e una conseguente "caduta" nel coinvolgimento delle famiglie.
Altri, invece, potrebbero aver considerato l'esperto ormai "addentrato" così tanto nel progetto da non intervenire e indirizzarne la scelta dei contenuti e la condivisione del percorso specifico per la propria classe.

Il ruolo dell'esperto nel corso del triennio si è modificato: se da una parte è entrato positivamente a far parte quasi dell'organico della scuola - con la conseguenza quindi della maggiore conoscenza degli alunni, della situazione, delle potenzialità- dall'altro si è tralasciato di approfondire, di stimolare, di coltivare insieme, gli insegnanti e il gruppo degli esperti.

Le famiglie: la parte più delicata, alle quali dobbiamo "rendere conto", sono figlie del nostro tempo, con evidenti abitudini a comprendere più facilmente attraverso le immagini, a preferire il bello piuttosto che il buono, a valutare più l'effetto scenico che il percorso di crescita dei figli, .
Non bisogna criticare queste modalità, ma comprenderle e dare sempre un senso alla visibilità delle cose.

E' per questo che ho messo il progetto sulla bilancia perché ricerchi e trovi un equilibrio, con l'impegno a rivedere, a modificare, a riadattare, anche se questo vuol dire fermarsi per riflettere, riformulare gli obiettivi, prendere nuovi accordi, specificare e valorizzare i bisogni, perchè tutti questi problemi sono degli adulti ... i bambini hanno espresso capacità, interessamento e desiderio di continuare.

Mariella Mugione Docente 196° Circolo didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional