Torna nella homepage
 
n.64 giugno 2016
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:21 Agosto 2017 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
Articolo 'Una Biblioteca Possibile 2'  >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
Sysform Ente di Formazione accreditato dal MIUR
  Pag Argomento
HomePage   HomePage

Ricerca avanzata >>>
Una Biblioteca Possibile 2
Abbiamo fatto CENT(R)O
di Pellegrino Marco - Organizzazione Scolastica
L'esperienza della ricollocazione e della riqualificazione della "nuova" biblioteca presso la sede di "Angeli della città", facente parte dell'I.C. "Maria Montessori" di Roma, e dell'apertura dell'aula in occasione delle manifestazioni di fine anno, si è conclusa, per quest'anno scolastico, con la raccolta di libri donati da alunni e insegnanti del plesso.

Grazie ad una campagna pubblicitaria di donazione, partita qualche giorno prima dell'inizio del periodo dedicato alle lezioni aperte e agli spettacoli e terminata il giorno della chiusura delle attività didattiche, la biblioteca è stata rinverdita di libri donati dagli alunni e dagli insegnanti, e per la precisione sono stati più di CENTO quelli che hanno contribuito a rendere più ricco il patrimonio di testi di cui poter fruire negli anni futuri.
Per l'occasione i referenti hanno elaborato un volantino di invito a donare, dal titolo "UN LIBRO TI DONA", in cui è stata invitata appunto tutta l'utenza a regalare alla biblioteca un libro, comprandone di nuovi o andando ad attingere dalle biblioteche personali e "casalinghe", con l'intento di contribuire a rendere le raccolte più corpose e per LASCIARE UN SEGNO, nella scuola di appartenenza o nella scuola che ci si stava accingendo a salutare, nel caso degli alunni delle classi quinte. Il volantino è stato predisposto in modo tale che ogni alunno, all'atto della consegna, potesse ricevere un tagliandino composto da due sezioni, una attestante la donazione, testimonianza del bel gesto, e una da applicare sul frontespizio del libro, a memoria del dono effettuato.

Sul volantino è stato ribadito lo scopo dell'iniziativa e sono state evidenziati gli svariati utilizzi della biblioteca scolastica da parte di alunni, docenti e non solo.

I risultati sono andati ben oltre le aspettative, dati i tempi ristretti e la concomitanza di eventi che hanno costellato lo scorcio finale di anno, ma ciò sta a dimostrare che la motivazione e lo spirito giusto rappresentano il motore dei cambiamenti e la base degli apprendimenti e della crescita culturale ed umana.

"Un albero il cui tronco si può a malapena abbracciare nasce da un minuscolo germoglio.
Una torre alta nove piani incomincia con un mucchietto di terra.
Un viaggio di mille miglia comincia con un solo passo."

Lao Tzu


Dietro al titolo della campagna, si nascondono tanti significati: un libro donato comunque arricchisce chi lo riceve ma anche chi lo offre in dono, perché consente ad entrambi di segnare dei percorsi che si incrociano, insomma "fa star bene" il pensiero di condividere qualcosa di personale, di cui si è già goduto in qualche modo, che si ritiene possa essere utile e significativo per altri e che possa imprimere un segno. Nella fattispecie, per gli alunni, tale gesto consente di riflettere sull'importanza dello scambio, della memoria, intesa come ricordo e traccia del loro passaggio in quella scuola, dell'arricchimento esponenziale che può derivare dal gesto individuale che però va a costituire un insieme, un "tutto" che assume dimensioni notevoli.
Oltre agli effetti positivi che tale iniziativa ha generato nel breve periodo e nel piccolo contesto di plesso, si possono citare le potenzialità nel medio e lungo termine e gli orizzonti che apre anche in riferimento alle altre realtà dell'Istituto Comprensivo all'interno di cui è inserito.
Lo spazio in futuro sarà sempre più utilizzato e diventerà un ulteriore luogo di apprendimento e di crescita, in virtù degli avvenimenti positivi che lo hanno già caratterizzato; inoltre sono state poste le basi per una progettualità più ampia e innovativa che potrebbe concretizzarsi partecipando al Bando del MIUR per "BIBLIOTECHE SCOLASTICHE INNOVATIVE".
Nell'ambito del Piano Nazionale "Buona Scuola Digitale", il Miur ha stanziato dei fondi per il rinnovamento e la digitalizzazione delle biblioteche scolastiche, dei centri di informazione e di documentazione. Le scuole potranno presentare la propria candidatura entro il 14 luglio 2016.
La finalità generale del bando è quella di promuovere a livello locale la nascita di reti di scuole che completino o realizzino ex novo biblioteche scolastiche capaci di assumere la funzione di centri di documentazione e alfabetizzazione informativa, aperti al territorio circostante, nei quali moltiplicare le occasioni per favorire esperienze di scrittura e di lettura, anche con l'ausilio delle tecnologie e del web.
La biblioteca diventa un luogo dove informazione tradizionale e digitale si incontrano per creare un'eccellenza e dove vi sono eccellenze tutta la scuola ne trae beneficio. Nel passato questi spazi erano visti come stanze contenenti solamente libri ora, con questo bando, si mira a creare centri di servizi che possano offrire informazione e documentazione a tutto l'universo della scuola.

In particolare, si pone l'accento sull'alfabetizzazione digitale (Digital Literacy) ovvero fornire le competenze necessarie a utilizzare in modo efficace e consapevole i nuovi strumenti e a sapersi muovere in un universo informativo ricco e ampio. Tutto questo crea uno stretto legame con le competenze di cittadinanza che la scuola deve essere in grado di far sviluppare.
Un altro punto fondamentale del bando è il prestito bibliotecario digitale con il quale l'utente potrà scaricare sul proprio dispositivo digitale (computer, tablet, smartphone, e-book) riviste, libri, che resteranno a sua disposizione per un breve periodo, così come risulta organizzato il prestito del libro in una biblioteca tradizionale.
Inoltre, le biblioteche scolastiche potranno aprirsi al territorio creando raccordi con reti di scuole e/o con biblioteche comunali.
Le porte si apriranno quindi come quelle dei "saloon" consentendo alla scuola di accogliere i cittadini e generare flussi di movimento tra personale interno ed esterno.
Tutte le informazioni utili per presentare domanda di partecipazione al bando sono individuabili al seguente link: http://www.giuntiscuola.it/lavitascolastica/magazine/news/dal-miur/biblioteche-scolastiche-innovative-la-seduta-di-supporto-tecnico-e-amministrativo-per-le-scuola-sul-canale-youtube-del-miur/.

Queste le componenti essenziali della Proposta Progettuale del bando sopra descritto:

-L'individuazione di spazi specifici e disponibili all'interno dell'istituzione scolastica ovvero una riconversione di spazi inutilizzati o un potenziamento degli spazi già disponibili.

-La fornitura di attrezzature utili all'acquisizione e all'elaborazione di contenuti digitali (testo, video, immagini, suoni) e del relativo software.

-Una componente progettuale specifica legata al miglioramento della visibilità e dell'uso della biblioteca scolastica e della qualità dei relativi servizi: una migliore promozione esterna dell'attività della biblioteca scolastica; il coinvolgimento dell'intera comunità a partire dalle famiglie; l'organizzazione e comunicazione di attività, incontri, conferenze aperte al territorio; l'ausilio laboratoriale e di competenze nella produzione e distribuzione di contenuti informativi e didattici aperti; la catalogazione informatizzata e la messa on line di cataloghi delle risorse disponibili.

-L'acquisizione e la messa a disposizione di contenuti prevalentemente in forma digitale, in particolare anche nella forma del prestito bibliotecario digitale (digital lending), attraverso la stipula di contratti di accesso a piattaforme di digital lending.

L'obiettivo che tutti noi dovremmo cercare di perseguire è quello di creare dei cittadini abituati a leggere e riflettere.

Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso (Daniel Pennac).

di Marco Pellegrino e Margherita Teto
insegnanti di sostegno I.C. Maria Montessori di Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Bookmark and Share

Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Sysform Roma Via Monte Manno 23 -Roma- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional