Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 12 Novembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Articolo 'Vuoi catturare l'attenzione de... >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Vuoi catturare l'attenzione dei tuoi alunni? Gioca il tuo jolly!
Riflessioni spontanee di un maestro - animatore
di Laurenza Stefano - Didattica Laboratoriale
Qualche tempo fa, mentre tornavo a casa in treno durante uno dei soliti week - end da pendolare, osservavo una ragazza nel mio stesso scompartimento, probabilmente studentessa della facoltà di Scienze della Formazione Primaria, che stava leggendo un libro dal titolo Pedagogia del Gioco, L'animazione.
Subito mi è venuto in mente quando mi sono trovato per la prima volta al "Centro estivo" in cui lavoro da molti anni ed avevo davanti a me circa cento bambini, tra i quattro e i dieci anni da far divertire per un'intera giornata; mi arrovellavo a pensare cosa avrei potuto fargli fare.
Senza esitazione, mi sono dovuto inventare giochi, gags, modi di dire che polarizzassero e soprattutto prolungassero la loro attenzione nei miei confronti.
Beh, non avrei pensato che quel giorno, quell'esperienza avrebbe cambiato così radicalmente il mio approccio con gli alunni, che mi avrebbe regalato una chiave di accesso all'educazione, fondamentale per la mia crescita professionale e che mi avrebbe aiutato a migliorare il rapporto con i bambini.

Credo senz'altro che le strategie di metodo che ora metto in campo, anche e soprattutto grazie all'esperienza di animatore, rendano più piacevole e divertente l'apprendimento.
Con il passare del tempo e l'accumularsi degli anni di insegnamento e di animazione, infatti, mi sono reso conto di aver trovato quello che è il mio modo di insegnare, il mio modo di fare scuola, il mio essere docente.
Spesso mi accorgo che qualsiasi disciplina si insegni, basta veramente poco per renderla dinamica e coinvolgente. E' sufficiente una battuta, una voce particolare, una faccia buffa e i bambini li hai fatti tuoi: sorridono, ti imitano, ma allo stesso tempo apprendono quello che hai appena detto, spiegato, disegnato e soprattutto, sono così in grado di essere autonomi, ricordano i contenuti perché li associano ad un momento divertente.

Anche le tabelline possono diventare piacevoli se si enunciano con la voce da dj o con accento russo, o inventando un gioco, un quiz. A volte basta un po' di fantasia e... il gioco è fatto! In un momento di disattenzione, quando i bambini si alzano dalla sedia vagando per la classe, ci sono due opzioni, ugualmente efficaci: o richiamarli al silenzio e all'ordine con autorevolezza, oppure dire "Al mio tre, tutti con le mani alzate e ...seduti! Chi non lo fa è della Juve!"
Il risultato ottenuto sarà lo stesso, ma.....
Sono dei piccoli meccanismi, spesso più semplici di quanto si possa pensare; anche un sorriso dell'insegnante od un suo sguardo, può bastare ed essere importante.
E' la gioia di lavorare con i bambini e i colleghi che rende il clima sereno e gioioso e che, inevitabilmente ed inconsapevolmente, cambia l'atteggiamento degli alunni stessi e certamente aiuta quelli con difficoltà di apprendimento .
Sicuro è che ogni classe è unica e va gestita secondo le sue caratteristiche ed i suoi bisogni formativi.
Anche momenti ritenuti drammatici per alcuni bambini, come lo possono essere quelli in cui il docente deve far sentire la sua autorevolezza, se subito stemperati con un atteggiamento giocoso hanno il doppio vantaggio di far comprendere al bambino in difficoltà sì l'errore, ma sempre in un contesto di serenità che lo induce, comunque, ad una pacifica e tranquilla riflessione.

Questo, è ovvio, non vuol dire che la lezione diventi esclusivamente un gioco, un momento divertente: senz'altro lo è, ma viene inserita nel contesto scuola come emblema dell'apprendimento; di conseguenza, diventa nel contempo un aspetto dell'insegnamento da utilizzare in ogni occasione, magari nei momenti in cui comincia a scemare l'attenzione.
E' un po' come giocare il jolly!.
Questo atteggiamento di apertura dei docenti, con cui si affronta la vita della scuola e dei bambini, comporta un attaccamento alla materia e all'insegnante da parte degli alunni stessi e ne consegue che essi amano ciò che quell'insegnante insegna e desiderano fortemente passare le ore scolastiche proprio con quel maestro.
I bambini, più di noi, si rendono conto dello spirito diverso, del metodo dinamico, si divertono, ma nel contempo studiano ed apprendono anche le discipline più ostiche.
La differenza con il metodo tradizionale, secondo me, non è nel fine ma nel modo utilizzato per raggiungere l'obiettivo apprendimento. Credo che il risultato ottenuto sia lo stesso, o quasi: certo è che, utilizzando la metodologia che ho cercato di descrivere, se pur in maniera sommaria per la sinteticità che richiede un articolo telematico, cioè insegnare giocando, i bambini si divertono, i docenti anche e si fa scuola lo stesso.
Tra l'altro inevitabilmente viene anche coinvolto tutto il team di docenti con questa metodologia (anche se non amo chiamarla così, preferisco pensare che sia un modo di essere) e si crea, spontaneamente un clima di armonia e di goliardia che rende piacevole e serena la giornata scolastica.
E i bambini? Basta guardarli: sono felici di venire a scuola perché sanno che ogni giorno è un'altra simpatica giornata. Un po' come in primavera, in un pomeriggio di sole, si sente un' inspiegabile allegria che si trasmette quasi contagiosamente.

Fantasia, creatività, complicità, passione, carisma, disponibilità, sensibilità, solarità, sono queste le peculiarità che hanno o dovrebbero avere i docenti e, di riflesso, tutto il team di classe.
E se si ha la fortuna, come me, di lavorare con team così, allora la giornata scolastica diventa straordinaria per i bambini ma anche per gli insegnanti, che ogni giorno lavorano, sì, ma lo fanno divertendosi.
E i risultati? Possono essere eccezionali.
La mia esperienza di insegnante continuerà così, come la vivo tutti i giorni, cercando di far mie le caratteristiche di cui prima, anche se, alcune di esse o ce le hai o...ce le hai. Non puoi inventartele!
Certo che insegnare così, è un'altra cosa!

Stefano Laurenza Docente incaricato 196° Circolo Didattico Via Perazzi 46 - Roma
Aggiungi un commento
Sono presenti 0 commenti Visualizza tutti i commenti
Stampa Articolo Stampa articolo
Invia una opinione sull'articolo
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional