Torna nella homepage
 
Numero: 6-febbraio 2009- Anno II   Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno: 24 Settembre 2018

Pubblicato da Sysform Promozione di Sistemi Formativi

Via Monte Manno 23 00131 Roma

Pagina numero 3 >>>
Per visualizzare le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
In diretta dalla Segreteria In diretta dalla Segreteria
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Integrazione Scolastica 4 Integrazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 5 Didattica Laboratoriale
Pagina In diretta dalla Segreteria 6 In diretta dalla Segreteria
Pagina Oltre a noi... 7 Oltre a noi...

Ricerca avanzata >>>
Pagina Numero 3 - Area tematica Organizzazione scolastica
Testatina OrganizzazioneScolastica
Diario di bordo da Lerino (Vi)
Fare scuola ogni giorno
Lerino cl. seconda 27 gennaio 2009

Informo che ci sarà il dettato di verifica.
Alice comincia a piangere per il mal di pancia. Da quindici giorni ha spesso mal di pancia e vuole andare a casa. I nonni hanno riferito che quando va a casa sta bene.E'nata da poco una sorellina.
Organizzazione scolastica - di: Gianesin Maria Chiara vai al dettaglio....
Gli strumenti valutativi
Limiti delle tradizionali prove di verifica delle conoscenze (3° parte)
Lo scorso mese ci eravamo lasciati alla elaborazione delle prove di verifica e ora, anche se in ritardo con i tempi poiché esse sono già state somministrate e corrette a fine quadrimestre, andiamo a parlare di tutte quelle operazioni che seguono a partire dalla somministrazione delle prove.

Somministrazione delle prove

Il momento della somministrazione di una qualsiasi prova di verifica è sempre molto delicato ed importante.
Le condizioni generali in cui gli allievi si troveranno ad operare per dar prova delle competenze acquisite, contribuisce non poco a determinare il grado di affidabilità delle informazioni che si assumeranno.

Qualunque sia la funzione valutativa che si vuole assolvere con lo strumento di verifica impiegato, si deve fare in modo che si instauri un clima di grande serenità, ma al tempo stesso occorre che ciascuno alunno abbia la possibilità di concentrarsi e di applicarsi con impegno, che non venga distratto da nulla, che non abbia modo di scambiare opinioni con i suoi compagni e, soprattutto, che non copi.
Anche se il clima collaborativo deve caratterizzare il processo di formazione in tutt...
Organizzazione scolastica - di: Menna Rosanna vai al dettaglio....
Far tesoro dell'esperienza
Un sistema documentario
Da qualche anno nella nostra scuola ci stiamo impegnando a promuovere la costruzione di un sapere condiviso. Un gruppo di insegnanti ha avviato una riflessione sulla necessità di far interagire i saperi fondamentali della didattica e le esigenze di sviluppo personale e social...
Organizzazione scolastica - di: De Marino Francesca vai al dettaglio....
Quanto è difficile valutare!
Il documento di valutazione "incontra" i genitori
Care colleghe, quante volte vi è capitato di trovarvi a disagio nel compilare il documento di valutazione relativo ad un bambino che non ha raggiunto, dal punto di vista del rendimento, la sufficienza?
A me è capitato spesso.
Mi è accaduto anche durante l'anno scolastico in corso, senza qui segnalare le ulteriori difficoltà legate all'adozione della nuova tipologia di valutazione del rendimento, espressa in decimi.
La situazione che si è presentata è stata resa ulteriormente complicata dall'atteggiamento dei genitori del bambino in questione, atteggiamento non collaborativo, anzi oppositivo nei confronti della scuola ritenuta unica responsabile delle difficoltà incontrate dal proprio figlio; ed ancora, dal fatto che il bambino ha spesso ricevuto dalla famiglia messaggi educativi del tutto contrastanti con quelli da noi proposti.

La scuola è, sicuramente, un'istituzione che persegue finalità formative ed educative partecipando, a pieno titolo, al processo di crescita di ogni singolo bambino e ne è, quindi, in parte direttamente responsabile, ma non in modo esclusivo. Se si dovesse però dare ragione ad un pensiero diffuso, che rispecchia anche quello dei genitori del nostro caso, la scuola dovrebbe "da sola" farsi carico esclusivamente della formazione dei bambini, attribuendosi un ruolo che in realtà le appartiene parzialment...
Organizzazione scolastica - di: Padula Maria Cristina vai al dettaglio....
...punti di vista...
La "vera" politica scolastica nasce dalle Scuole
Sul territorio le Scuole insieme per le Scuole
Il 12 e il 13 febbraio '09 le Scuole del XX Municipio di ogni ordine e grado sono state protagoniste del " III Meeting di Scuoleinsieme" presso l'Auditorium dell'Istituto "M.Massimo" dell'Eur.
Spazio espositivo: in questo spazio 23 stand espositivi delle Scuole "vissute", sono stati messi...
Organizzazione Scolastica >>> Parliamo di... - di: Presutti Serenella vai al dettaglio....
I libri dell'era tecnologica
Le novità introdotte dalla Circolare n. 16 del 10 febbraio 2009
La Circolare n. 16 del 10/02/09, in merito all'adozione di testo per l' a.s. 2009/10, introduce un'importante cambiamento a proposito delle tipologie dei testi, infatti si legge così come segue:

"Lo sviluppo incessante e progressivo delle tecnologie investe oggi tutti gli aspetti della vit...
Organizzazione scolastica - di: Meligrana Francesca vai al dettaglio....
L'insegnamento da parte degli alunni
Come si traduce in "pedagogese" la teoria del costruttivismo sociale

... Quando insegnare significa coinvolgere, quando trasmettere si traduce in fare, quando motivare si coniuga con l'ascoltare...ecco che appaiono, nell'aula "calda" di atmosfera, le figure di insegnanti che, a passi decisi ma lievi, rumorosi ma forti, vivono la scuola ...dalla parte degli alunni.
Ciò che differenzia un insegnante da un altro è il suo modo di interrogarsi o, più semplicemente, proprio il fatto se si interroga o no; spesso non ci si chiede, infatti, quali siano i sistemi apprenditivi ed i processi cognitivi che sottendono all'acquisizione dei diversi saperi da parte di ogni singolo ragazzo. Spesso, come ama dire e ribadire il mio amico e collega Marco Scancarello, si produce "fatica cognitiva" che non è produttiva per gli alunni.
Quante volte ci si dilunga...
Organizzazione scolastica - di: Traversetti Marianna vai al dettaglio....
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional