Torna nella homepage
 
n.10 febbraio 2011
Registrata presso il:Tribunale di Roma n. 63/2010 del 24/02/2010
Direttore responsabile Manuela Rosci
Oggi è il giorno:22 Giugno 2017 Pubblicato da Sysform Editore - Iscrizione al R.O.C. n.19433 Sysform Editore - Via Monte Manno 23 00131 Roma
HomePage numero 10 >>>
SysForm Editore - editoria digitale per il mondo della scuola e della formazione
n.74 giugno 2017
n. 73 maggio 2017
n. 72 aprile 2017
n 71 marzo 2017
n.70 febbraio 2017
n 69 gennaio 2017
n 68 dicembre 2016
n 67 novembre 2016
n. 66 ottobre 2016
n.65 settembre 2016
n.64 giugno 2016
n.63 maggio 2016
n. 62 aprile 2016
n.61 marzo 2016
n.60 febbraio 2016
n.59 gennaio 2106
n.58 dicembre 2015
n.57 novembre 2015
n.56 ottobre 2015
n.55 settembre 2015
n. 54 giugno 2015
n.53 Maggio 2015
n.52 Aprile 2015
n. 51 marzo 2015
n. 50 febbraio 2015
n. 49 gennaio 2015
n.48 dicembre 2014
n.47 novembre 2014
n.46 ottobre 2014
n.45 settembre 2014
n.44 giugno 2014
n.43 maggio 2014
n.42 aprile 2014
n.41 marzo 2014
n.40 febbraio 2014
n.39 gennaio 2014
n.38 dicembre 2013
n 37 novembre 2013
n 36 ottobre 2013
n.35 settembre 2013
n.34 giugno 2013
n.33 maggio 2013
n. 32 aprile 2013
n. 31 marzo 2013
n. 30 febbraio 2013
n. 29 gennaio 2013
n. 28 dicembre 2012
n. 27 novembre 2012
n. 26 ottobre 2012
n. 25 settembre 2012
n.24 giugno 2012
n.23 maggio 2012
n.22 aprile 2012
n.21 marzo 2012
n.20 febbraio 2012
n.19 gennaio 2012
n.18 dicembre 2011
n.17 novembre 2011
n.16 ottobre 2011
n.15 settembre 2011
n.14 giugno 2011
n.13 maggio 2011
n.12 aprile 2011
n.11 marzo 2011
n.10 febbraio 2011
n.9 gennaio 2011
n 8 dicembre 2010
n 7 novembre 2010
n.6 ottobre 2010
n.5 settembre 2010
n.4 giugno 2010
n.3 maggio 2010
n.2 aprile 2010
n.1 marzo 2010
Almanacco inverno
Almanacco di autunno
1 -settembre 2009- Anno III
10- giugno 2009- Anno II
9- maggio 2009- Anno II
8-aprile 2009- Anno II
7-marzo 2009- Anno II
6-febbraio 2009- Anno II
5-gennaio 2009- Anno II
4-dicembre 2008- Anno II
3-novembre 2008- Anno II
2-ottobre 2008- Anno II
1 -settembre 2008- Anno II
6 -Maggio 2008 -Anno I
5 -Aprile 2008 -Anno I
4 -Marzo 2008 -Anno I
3 -Febbraio 2008 -Anno I
2 -Gennaio 2008 -Anno I
1 -Dicembre 2007 -Anno I-

Invia una e-mail alla redazione

Articoli nelle pagine interne
"Ciak, azione ... si gira"
Competenze: poche idee, ben confuse Competenze: poche idee, ben confuse
Contrordine Contrordine
Cose che gli insegnanti non dicono Cose che gli insegnanti non dicono
Dialogo interculturale, strumento di pace e integrazione Dialogo interculturale, strumento di pace e integrazione
Il linguaggio universale dell'arte Il linguaggio universale dell'arte
Global Junior challange 2011 Global Junior challange 2011
L'autovalutazione, la valutazione dei compagni e dell'insegnante: L'autovalutazione, la valutazione dei compagni e dell'insegnante:
Libri di testo, addio: ebook e social learning nella scuola digitale Libri di testo, addio: ebook e social learning nella scuola digitale
Il bambino e l'inserimento nel gruppo classe Il bambino e l'inserimento nel gruppo classe
Ansuini Cristina Ansuini Cristina 1 articoli
Cordovani Giulia Cordovani Giulia 1 articoli
Gambardella Raffaella Gambardella Raffaella 1 articoli
La redazione La redazione 3 articoli
Maranzana Enrico Maranzana Enrico 1 articoli
Maurizio Scarabotti Maurizio Scarabotti 1 articoli
Muni Andrea Muni Andrea 1 articoli
Presutti Serenella Presutti Serenella 1 articoli
Riccardi Barbara Riccardi Barbara 2 articoli
Rosci Manuela Rosci Manuela 2 articoli
Rossini Simonetta Rossini Simonetta 1 articoli
Silveri Paola Silveri Paola 1 articoli
Zeus Natalina Giovanna Zeus Natalina Giovanna 1 articoli
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
E' possibile ancora credere?
Guardarsi intorno e scegliere chi vuole ancora crescere
Sento sempre la responsabilità di riflettere a voce alta con voi lettori della scuolapossibile, perché "credere"comporta inevitabilmente cercare di convincere l'altro che ciò che senti, pensi, dici ... è cosa buona.
Tutti cerchiamo di convincere gli altri delle nostre convinzioni, qualcuno anche utilizzando sistemi che non possono essere accettati. La vita è un continuo scambio di convinzioni, di credenze (io credo ... sono convinto ...) che si formano dentro di noi fin dalla più tenera età: le prime convinzioni sono quelle che si trasmettono in famiglia (ciò che è giusto e ciò che non lo è), e poi a scuola (ciò che si può fare da ciò che non va fatto) e poi nel rapporto sociale con gli altri, sul posto di lavoro e con gli amici (ciò che è opportuno fare da ciò che è meglio evitare).

Credere profondamente in qualcosa, quindi, è un'esperienza che ognuno di noi può aver fatto: credere in un'amicizia, in un amore, in un'idea, in un lavoro, in un progetto.
Credere permette di trasformare un desiderio in un sogno e poi ancora in un obiettivo.
Credere stimola in noi quell'energia che fa vincere la sensazione opposta, quella che di solito frena gli entusiasmi, che ti rende sordo al cambiamento, disinteressato oppure ostile alle trasformazioni; quella sensazione che invade e ti fa preferire di non fare nulla di nuovo, di stare fermo, di rimanere nella "zona di confort", quella dove continui a fare ... ciò che hai sempre fatto.

La responsabilità allora di raccontare una scuola possibile, di "credere" possibile una scuola diversa, richiede una co...
Editoriali - di: Rosci Manuela
vai al dettaglio....
Lo Staff febbraio 2011
Convegno 26 marzo
Sommario febbraio 2011
netpuplis
Il social network invade la società?
La scuola si adegua...
Un tempo i due tradizionali enti di educazione e anche di socializzazione erano la famiglia e la scuola, ma nella nostra società non si può ignorare l'importanza, sempre maggiore, che acquisiscono le comunicazioni di massa.
Un mezzo di comunicazione di massa o mass media è un mezzo di comunicazione attraverso cui è possibile diffondere un messaggio, secondo le caratteristiche proprie del mezzo, ad una pluralità di indistinti e diffusi destinatari.
La socializzazione prodotta da alcuni media in particolare è veloce e interattiva; i media forniscono informazione sulla realtà sociale, allargano la sfera delle conoscenze che possono essere utilizzate negli scambi sociali.

Un grande fenomeno sociale che coinvolge, incuriosisce e diventa argomento di discussione, direttamente o in direttamente, tra le nuove generazioni è sicuramente il social network.
Da facebook, a twitter il mondo di internet è invaso da persone che "comunicano tra di loro" via internet.
E' un fenomeno che coinvolge non solo adulti ma spesso e volentieri giovani e più giovani.

Una rete sociale o un social network permette di creare un profilo pubblico o semi-pubblico, la realizzazione di una lista di contatti e permettono di gestire on line amicizie e di accrescere la propria rete di contatti.
E' possibile costituire delle community tematiche, gruppi di scambio, in base alle proprie passioni e interessi, aggregando ad essi altri utenti.

Facebook è un social network destinato alla comunicazione solo tra adul...
Scuola e tecnologia - di: Zeus Natalina Giovanna
vai al dettaglio....
Fratelli di scuola
locandina de
La Relazione educativa è solo una questione di "stile"?
Le priorità dell'educazione tra competitività e sviluppo
Vorrei condividere con i lettori di queste pagine alcune riflessioni e considerazioni sollecitate recentemente da due contesti molto differenti tra loro, un film e un articolo, accumunati da uno "sguardo" sulla relazione educativa, modalità, stili e convinzioni sul tema.

"Il discorso del Re" è un film di recente produzione, in programmazione nelle sale italiane in questi giorni. La trama (e la sceneggiatura) molto singolari ci raccontano la storia del Principe di York, Bertie, che dopo la morte di suo padre re Giorgio V e la scandalosa abdicazione di re Eduardo VIII, suo fratello, sale riluttante al trono e viene incoronato Giorgio VI d'Inghilterra. Minato da una grave forma di balbuzie e considerato inadatto a essere re, Bertie sarà aiutato da un bizzarro logopedista Li...
Long Life Learning - di: Presutti Serenella vai al dettaglio....
Un gioco pericoloso
Il gioco del bambino che non c'è
A tavola, con la mia terza, pochi giorni fa. Posti assegnati: si inizia a mangiare. Quando mi alzo per controllare che abbiano finito il primo, mi accorgo che N. sta piangendo...così forte che non riesce nemmeno a spiegarmi il motivo della sua disperazione. Lo fanno i bambini del tavolo: le sue vicine di posto stanno facendo un gioco in cui fingono che lei non ci sia, non esista.

"Qui non c'è nessuno...questo posto è vuoto....la sedia è libera...".

Mi è immediatamente venuto in mente il film " La famiglia" di E. Scola: stesso gioco da parte di un adulto...stessa disperazione del bambino che insisteva nel cercare di farsi vedere, che continuava a dire "Eccomi, sono qui...sono qui!".

Ho sentito un pugno allo stomaco: in tre anni non avevo mai visto N. così disperata. Mille sensazioni mille pensieri ma uno su tutti: quante volte la scuola fa questo gioco con i bambini? Quante volte fa finta di non vedere chi ha davanti?

Tante, troppe... e se accadesse anche una sola volta ...sarebbe sempre troppo: un alunno ignorato è un alunno perso. Avrei tanti esempi da fare, purtroppo. Uno per tutti: A. che, lasciato da parte dalle insegnanti perché, in terza elementare, non sapeva fare niente, non capiva... ha lasciato l'abito del bambino che non c'era e ha indossato quello del provocatore, del violento, dell'atleta che si arrampicava e usciva dalla finestra.

Quando l'hanno bocciato è finito in class...
Organizzazione scolastica - di: Rossini Simonetta vai al dettaglio....
Il microfono che scotta
La paura di parlare in pubblico
L'ultimo Convegno a cui ho partecipato ha sollecitato in me una riflessione partendo da questa situazione: terminato l'intervento del relatore, inizia la fase di dibattito dove è possibile che il pubblico faccia domande; qualcuno più o meno timidamente alza il braccio per indicare la volontà di intervenire; il relatore rinvia il feedback che acconsente l'intervento; il docente, in questo caso, ini...
Dedicato a te - di: Rosci Manuela vai al dettaglio....
Noi un trolley di esperienze
Indagine sugli alunni con disabilià nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non

Si può far finta, si può camuffare fino ad un certo punto ... perché ad un tratto i g...
Integrazione Scolastica - di: Riccardi Barbara vai al dettaglio....
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
Se vuoi realizzare il tuo Giornale telematico... clicca qui
Portale di informazione multimediale
  Pag Argomento
HomePage   HomePage
Pagina Integrazione Scolastica 2 Integrazione Scolastica
Pagina Organizzazione Scolastica 3 Organizzazione Scolastica
Pagina Didattica Laboratoriale 4 Didattica Laboratoriale
Pagina Oltre a noi... 6 Oltre a noi...
Pagina Scuola & Tecnologia 10 Scuola & Tecnologia
per visualizzre le sottoaree clicca sull'icona
Dalla redazione Dalla redazione
Dedicato a te Dedicato a te
e-book novità e-book novità
Long Life Learning Long Life Learning
Oltre a noi... Oltre a noi...
Scuola & Tecnologia Scuola & Tecnologia
Editoriali Editoriali
Emergenza scuola Emergenza scuola
Organizzazione Scolastica Organizzazione Scolastica
Integrazione Scolastica Integrazione Scolastica
Didattica Laboratoriale Didattica Laboratoriale
Stampa Uscita Stampa uscita
Invia una opinione

Ricerca avanzata >>>
Username
Password
Ruolo
Clicca sul libro per acquistare una copia dell'eBook
 

G.T. Engine Powerd by Innova Servizi Roma Via Appia Nuova 882- Web Content Manager Maurizio Scarabotti

Valid HTML 4.01 Transitional